Trentino Alto Adige, magica atmosfera…di Natale

Eccoci qua!!!! Siamo tornati a casa da un fantastico weekend all’insegna della magia del Trentino Alto Adige.

Usualmente siamo soliti venirci in estateda queste parti a prendere un po’ di fresco, visto il clima rovente della nostra città. Ma questa volta invece abbiamo deciso di sfidare il periodo e immergerci nella meravigliosa magia dei Mercatini di Natale tipici di queste parti, e famosi in tutta Italia.

Il venerdì, tutti reduci dalle rispettive cene di Natale aziendali della sera prima, partiamo in compagnia dei nostri cognati, nonché gli zii della Marghe (zio e zia nuove parole imparate dalla nostra paperottola) e ci fermiamo per pranzo a Modena, dove il tempo di mangiare lo gnocco fritto,

accompagnato da degli ottimi salumi, e una bella scodella di tortellini in brodo fumanti, siamo sorpresi da una fitta nevicata che in meno di mezz’ora imbianca tutto il circondario oltre alla nostra macchina.

Verso le 17.30 arriviamo al nostro appartamento in quel di Bolzano, scelto come casa base per questo nostro weekend speciale.

Tempo poco, spesa e via a mangiare speck e formaggi locali accompagnati da un Pandorino per finire in bellezza la serata.

Sabato mattina come prima tappa, scegliamo il Mercatino di Natale di Merano; qui abbiamo trovato un ambientazione da sogno, circondati da montagne innevate, sembrava davvero un piccolo villaggio di Babbo Natale e tra una casettina in legno e l’altra iniziamo a comprare tanti prodotti tipici e fatti a mano in legno da parte degli artigiani locali,

Oltre che riscaldarci con un ottimo the versato nelle classiche tazze souvenir del mercatino.

Il pranzo è ovviamente a base di prodotti locali e un bel boccale di birra Forst al sapore tutto natalizio, molto leggera e ben godibile anche da chi non è amante della birra, ovviamente una cassetta a casa ce la siamo portati.

Nel pomeriggio siamo rientrati a Bolzano, e qui ci siamo immersi nel mercatino della città. Tutto racchiuso in una piazza storica all’ombra del Duomo, abbiamo subito brindato con una bella tazza di vin brulé

Per poi addentrarci nella visita dei vari stand, anche qui ricchi di artigianato in legno fatto a mano e prodotti culinari, ma non molto variegato come scelta.

Più fuori in un’altra piazza tutta addobbata a tema natalizio e con una grossa Stella Cometa, troviamo anche la ruota panoramica per ammirare dall’alto l’atmosfera natalizia.

Finito il nostro giro, una sosta veloce per le Cognathe, a Peter’s Tea House e poi una merendina leggera al negozio ufficiale della Loacker, a base di cioccolata calda e biscotti alla nocciola e cioccolato.

Tornati a casa infreddoliti, per la forte umidità serale di Bolzano, ci rifocilliamo con dei buonissimi Canederli alle verdure e allo speck in brodo.

Domenica mattina lasciamo l’appartamento per una sosta veloce al mercatino di Trento, non un classico dei mercatini natalizi, ma comunque sempre stupendo dal punto di vista dell’atmosfera.

Qui la varietà degli stand è molto ampia e ben disposta, con tantissimo artigianato ma anche con espositori del luogo, oltre alle ben rinomate arti culinarie. Dopo un bel vin brulé di riscaldamento, la temperatura era pungente, optiamo per pranzare con un tortel di patate (schiacciatina fritta di patate) con würstel e crauti, oltre al boccale di birra Forst.

Dopo questa toccata e fuga al mercatino di Trento, ci mettiamo in macchina, con tappa obbligatoria allo spaccio Bauli, in quel del veronese, e al caseificio ” 4 Madonne” per acquistare a prezzi modici forme di Grana Padano da portare a casa.

Al termine del nostro weekend, all’unanimità possiamo stilare la classifica di gradimento dei mercatini natalizi, tra pregi e difetti di ognuno dei tre visitati:

  1. MERANO
  2. TRENTO
  3. BOLZANO

BUONE FESTE A TUTTI DALLA FAMIGLIA EMME!!!!!