Una passeggiata sull’Arno, i Giardini vittime di via Fani a Firenze

Oggi vi raccontiamo di un bellissimo giardino e di una passeggiata sull’Arno di Firenze, i Giardini vittime di via Fani  – 16 marzo 1978.

Giardini vittime di via Fani a Firenze

Sicuramente siamo “di parte”, ma noi adoriamo questa passeggiata perché è vicino casa ed è molto piacevole farla.

Durante il periodo di congedo maternità sono stata davvero tante volte in questi giardini, di mattina di pomeriggio o di sera. Come si vede in questa foto Margherita si è fatta tanti riposini all’ombra di un albero in questi giardini:

Giardini vittime di via Fani a Firenze

E anche ora appena ne ho la possibilità ci vado e faccio una camminata lungo questa passeggiata… è davvero molto rilassante e si gode di un bellissimo scorcio su Firenze sud.

Giardini vittime di via Fani a Firenze

Oltre infatti allo spettacolo dell’Arno, da questi giardini si vede davanti ai nostri occhi il parco dell’Albereta, come si vede da questa foto:

I giardini di cui stiamo parlando, sono quelli posizionati tra l’Arno e i lungarni Giancarlo Bigazz, Aldo Moro e Cristoforo Colombo.

Giardini vittime di via Fani a Firenze
Uno scatto di Novembre 2018

Chiaramente ogni stagione regalerà a questo giardino colori e particolari molto diversi tra loro. Ecco un particolare del giardino in autunno, con le foglie gialle protagoniste:

All’interno dei giardini è presente anche un’area cani abbastanza grande dove poter lasciare liberi i propri animali:

Purtropo diverse persone lasciano liberi i cani anche fuori… però questa è una cosa che non ci piace, primo perché qualcuno che passeggia potrebbe aver paura e secondo per la sicurezza del cane. I lungarni sono proprio all’uscita dei giardini e le macchine vanno veloci… è quindi necessario mantenere in sicurezza gli animali.

Altra nota dolente è che l’accesso alle biciclette non è negato lungo questo percorso. Diciamo purtroppo perché il nuovo pavimento della passeggiata è fatto in ghiaia e quindi le biciclette portano sù diversa polvere, oltre a non essere sicuro per loro. Inoltre bisogna considerare che appena fuori dal giardino c’è una pista ciclabile dove si potrebbe andare in bici con maggiore serenità.

Ecco le regole del giardino:

I giardini in questa area sono dei giardini storici, ma erano molto trasandati e non molto considerati. Negli anni poi sono stati rivalutati e sempre più considerati dai fiorentini. Questa passeggiata fa parte anche del percorso “Firenze The Walking City”, e infatti continuando oltre l’Obihall si può arrivare a piedi fin al Girone! Visitate il sito di Firenze The Walking City per maggiori dettagli!

Giardini vittime di via Fani a Firenze

Purtroppo nel 2015 una fortissima tromba d’aria si è abbattuta su Firenze sud, ed ha distrutto questi giardini e anche tanti altri. Principalmente ha colpito l’Albereta, dall’altra parte della riva rispetto ai giardini.

Dopo questo tragico evento del 1 agosto 2015, i giardini hanno necessitato di tanti lavori e di recente sono stati inaugurati nuovamente in una veste tutta nuova. Come confermato dal comune ci sono voluti 400 mila euro per sanare il danno fatto e piano piano tutte le parti colpite sono sistemate di nuovo nel modo migliore e anzi meglio!
L’inaugurazione fu fatta quando Margherita aveva 3 mesi e la portai chiaramente a questo piccolo evento, molto importante per noi:

Giardini vittime di via Fani a Firenze

Era presente anche il sindaco di Firenze, Nardella, che  dopo la formale inaugurazione ha preso Margherita e si è fatto un giro per il giardino!

Giardini vittime di via Fani a Firenze

Ecco l’articolo di giornale che descrive di quel giorno:

Giardini vittime di via Fani a Firenze

e il dettaglio dell’articolo, dove si “parla” di Margherita:

Giardini vittime di via Fani a Firenze

E infine, non poteva mancare, la foto di Margherita con il sindaco di Firenze Nardella:

Giardini vittime di via Fani a Firenze

Il giardino come abbiamo detto è titolato alle vittime della scorta di Aldo Moro, il 16 marzo del 1978

“Abbiamo deciso di intitolare agli uomini della scorta uccisi in via Fani i giardini che costeggiano il lungarno Aldo Moro – ha detto l’assessore VannucciUn modo per dare voce e memoria alle vittime di quella strage per troppo tempo dimenticate”.

Speriamo di avervi fatto scoprire un nuovo angolo della città di Firenze, dove vi invitiamo ad andare appena potete!

Ciao a tutti dagli EMME!

Lascia un commento